I servizi ecosistemici

cascina e castello Parpaglia Stupinigi

Pianificare, programmare, realizzare reti connesse di are naturali, ma anche seminaturali (aree per esempio agricole o periurbane) è fondamentale per assicurare, mantenere e sviluppare una serie di servizi ecosistemici. 

Questi servizi, forniti dalla natura, sono di vari tipi: di approvvigionamento (cibo, acqua, legname ecc.), di regolazione (del clima, del ciclo delle acque, delle precipitazioni etc.), di supporto (la fotosintesi, la formazione del suolo, la depurazione dell’aria e delle acque ecc.), di benessere (di attività culturali, educative, ricreative ecc.).

Il benessere di qualunque popolazione umana del pianeta dipende fondamentalmente e direttamente dai servizi ecosistemici, che sono utilizzati nella convinzione che la loro disponibilità sia illimitata e sono considerati alla stregua di prodotti gratuiti, il cui vero valore non è apprezzato fino in fondo.

In realtà, inquinamento, prelievi, consumo di suolo stanno intaccando e riducendo i servizi ecosistemici, depauperando la biodiversità, compromettendo la resilienza del territorio.

La realizzazione di infrastrutture verdi concorre a mantenere e a valorizzare i servizi ecosistemici e fermarne il degrado.

Secondo il Common International Classification of Ecosystem Services, i servizi ecosistemici possono essere classificati secondo tre livelli

Servizi di approvvigionamento

Greenway Po della Collina – Pista ciclabile lungo Canale Cimena

I servizi di approvvigionamento, sono quelli che forniscono al genere umano prodotti e risorse provenienti dagli ecosistemi quali alimenti, materiali, l’energia.

  • Alimentazione: prodotti agricoli, acqua potabile
  • Materiali: materiali e fibre vegetali, legno
  • Energia: da fonti vegetali come i combustibili legnosi e le colture energetiche (bioetanolo dalla canna da zucchero), energia idroelettrica, energia eolica

Servizi di regolazione e mantenimento

I servizi di regolazione e mantenimento forniscono benefici al genere umano attraverso la regolazione degli ecosistemi stessi, comprendendo lo smaltimento di rifiuti/tossine/altri fenomeni di alterazione, la regolazione dei flussi (di materia, liquidi e gassosi) e il mantenimento in uno stato di funzionalità delle condizioni fisiche, chimiche e biologiche degli ecosistemi stessi.

Cascina Maria Bricca – libellula rossa
  • Smaltimento di rifiuti/tossine/altri fenomeni di alterazione: purificazione dell’acqua, sequestro di inquinanti, riduzione di odori molesti/impatti visivi/acustici
  • Regolazione dei flussi (di materia, liquidi e gassosi): riduzione dell’erosione attraverso la copertura vegetale o la protezione contro i fenomeni atmosferici estremi mediante frangivento/quinte arboree.
  • Mantenimento delle condizioni fisiche, chimiche e biologiche: impollinazione, dispersione dei semi da parte di insetti, regolazione microclimatica della temperatura e dell’umidità.

Servizi di benessere

I servizi culturali sono i benefici non materiali che gli esseri umani ricevono dagli ecosistemi. Sono suddivisi in due categorie principali che fanno riferimento all’interazione fisica e intellettuale ed all’interazione spirituale e simbolica con gli ecosistemi e il biota.

Colle del Lys panorama laghi Avigliana
  • l’uso degli ecosistemi per il tempo libero, per camminare o praticare sport, o per scopi didattici;
  • la fruizione estetica, quindi il godere di un determinato paesaggio o panorama e dei suoi aspetti caratteristici;
  • la fruizione spirituale e simbolica, derivante dal piacere offerto dall’esistenza di specie animali e vegetali e di paesaggi emblematici.